L'articolo è stato letto 631 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Effetti della pandemia e dei social network sugli interventi estetici richiesti dai giovani

La dottoressa Lucia Calvisi, alla guida della Clinica di Dermatologia e Medicina Estetica di Cagliari, spiega origini e motivazioni di questo fenomeno.

Tra i molteplici effetti della pandemia sulla vita di ognuno di noi, tra i meno gravi e più “frivoli” c’è stata anche la maggiore esposizione del nostro viso in contesti digitali, con la conseguente maggiore consapevolezza dei propri difetti, e un maggior utilizzo dei social network, dovuto all’aumentato tempo libero.

Tutto ciò ha avuto effetti su quelle che sono state negli ultimi anni le richieste di interventi di medicina e chirurgia estetica, anche tra le fasce di età più giovani. Tra il cosiddetto effetto “Zoom Boom”, determinato dalla maggiore esposizione del volto durante le numerose videocall, e l’uso della mascherina, che inevitabilmente accende i riflettori sulla parte alta del visto, le richieste di interventi correttivi sono aumentate.

In particolare, la Dottoressa Lucia Calvisi, titolare dello Studio Dermatologico e di Medicina Estetica Calvisi di Cagliari, ha rilevato negli ultimi anni un incremento del 25% nelle richieste di trattamenti del Terzo Superiore (la parte alta del viso), in tutte le fasce di età.

Ma non solo. L’elevato utilizzo dei social network, soprattutto da parte dei più giovani, ha determinato un incremento di addirittura il 40/45% dei trattamenti del Terzo Inferiore, soprattutto la cosiddetta Jawline (mascella) che i giovani vorrebbero più squadrata, come di moda su Instagram. Un altro intervento molto richiesto dai millennials è la correzione delle imperfezioni del naso, attraverso il Rinofiller, un intervento non chirurgico effettuato con l’acido ialuronico.

“Se il desiderio di migliorare il proprio aspetto fisico è assolutamente positivo, soprattutto nel caso dei più giovani occorre far capire che gli standard di perfezione a cui aspirano, perché presenti sui social network, soprattutto Instagram e spesso per via dell’utilizzo di filtri, a volte non sono reali”, precisa la Dottoressa Lucia Calvisi. “Per questo motivo, nel nostro centro indirizziamo i pazienti verso trattamenti non invasivi, che possano dare una maggiore armonia al loro volto senza stravolgerlo e, soprattutto, senza puntare a modelli non aderenti alla realtà”. 



2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua