L'articolo è stato letto 3726 volte
Nazionale • Italia

facebook
twitter
0
linkedin share button

Decreto Aiuti novità per Formazione 4.0: a quali condizioni?

Il Decreto Aiuti ha previsto un incremento delle aliquote solo per le piccole e medie imprese ma solo se saranno in grado di soddisfare entrambi i seguenti requisiti: le attività formative dovranno essere erogate dai soggetti individuati dal Mise e risultati relativi all’acquisizione o al consolidamento delle competenze certificati. In assenza di tali requisiti il credito d'imposta sarà ridotto.

Il credito d'imposta formazione 4.0, (c.d. bonus formazione 4.0), è una delle agevolazioni fiscali introdotte dal Piano nazionale Impresa 4.0 e ora prevista all’interno del nuovo Piano nazionale Transizione 4.0 destinata alle imprese per stimolare gli investimenti nella formazione del personale dipendente finalizzate all’acquisizione o al consolidamento delle competenze nelle tecnologie rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale delle imprese.

Tale intervento non è stato riconfermato dalla Legge di Bilancio 2022 pertanto la scadenza del credito d’imposta formazione 4.0, istituito dalla legge di Bilancio 2018 (l. n. 205/2017, art. 1, commi da 46 a 56) e da ultimo modificato e prorogato con la Legge di Bilancio 2021, resta confermata fino alla fine del 2022.

Con la pubblicazione del Decreto Aiuti, che entra in vigore oggi 18 maggio, vengono apportate le seguenti modifiche, che ci inducono a sperare in una possibile proroga della misura al 2023 e successivi.

  • innalzamento aliquote del credito d’imposta solo per le piccole e medie imprese
    • potranno godere in misura maggiorata le attività relative alla formazione del personale in grado di soddisfare entrambi i seguenti requisiti:
      • attività formative erogate dai soggetti individuati con apposito Decreto del Mise, da adottare entro 30 giorni dall’entrata in vigore del Decreto Aiuti;
      • risultati relativi all’acquisizione o al consolidamento delle competenze certificati secondo le modalità stabilite con il medesimo Decreto.
    • solo al soddisfacimento congiunto dei requisiti sopra indicati il credito d’imposta formazione 4.0 spetterà nelle seguenti misure:
      • aliquota del 70% (anzichè 50%) entro un massimale di credito di 300.000 euro per le piccole imprese;
      • aliquota del 50% (anzichè 40%) entro un massimale di credito di 250.000 euro per le medie imprese;
      • aliquota del 30% (invariata) entro un massimale di credito di 250.000 euro per le grandi imprese.
  • depotenziamento del credito d’imposta per le imprese che avviano il progetto di formazione successivamente all’entrata in vigore del Decreto Aiuti e non soddisfi i requisiti necessari per la maggiorazione delle aliquote
    • il credito d’imposta spettante sarà ridotto come segue:
      • aliquota del 40% (anzichè  50%) entro un massimale di credito di 300.000 euro per le piccole imprese;
      • aliquota del 35% (anzichè 40%) entro un massimale di credito di 250.000 euro per le medie imprese;
      • aliquota del 30% (invariata) entro un massimale di credito di 250.000 euro per le grandi imprese.

Di seguito sono riportate le indicazioni relative ai soggetti beneficiari, alle caratteristiche dei progetti e alle modalità di fruizione del credito d'imposta:

Soggetti beneficiari

Possono accedere al credito d'imposta tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, comprese le stabili organizzazioni di soggetti non residenti, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione e dal regime fiscale di determinazione del reddito dell’impresa

Gli enti non commerciali che esercitano attività commerciali possono accedere al credito d’imposta in relazione al personale dipendente impiegato anche non esclusivamente in tali attività.

Soggetti esclusi

Non possono beneficiare dell’agevolazione:

  • i professionisti (o, più precisamente, i soggetti titolari di reddito di lavoro autonomo)
  • le imprese in difficoltà, così come definite dall’art. 2 punto 18) del Reg. (UE) n. 651/2014.
Attività formative ammesse

Sono ammissibili al credito d’imposta le attività di formazione finalizzate all’acquisizione o al consolidamento delle competenze nelle tecnologie rilevanti per la realizzazione del processo di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese previsto dal “Piano Transizione 4.0”:

  • Temi:
    • big data e analisi dei dati;
    • cloud e fogcomputing;
    • cyber security;
    • simulazione e sistemi cyber-fisici;
    • prototipazione rapida;
    • sistemi di visualizzazione, realtà virtuale e realtà aumentata;
    • robotica avanzata e collaborativa;
    • interfaccia uomo macchina;
    • manifattura additiva (o stampa tridimensionale),
    • internet delle cose e delle macchine;
    • integrazione digitale dei processi aziendali.
  • Ambiti formativi:
    • vendita e marketing;
    • informatica e tecniche;
    • tecnologie di produzione.

Non è più necessario ai fini del riconoscimento del credito d’imposta che lo svolgimento delle attività di formazione sia espressamente disciplinato in contratti collettivi aziendali o territoriali depositati presso l’Ispettorato Territoriale del Lavoro competente.

Attività formative NON ammesse

Non possono essere agevolate le attività di formazione ordinaria o periodica che l’impresa organizza per conformarsi alla normativa vigente in materia di sicurezza e salute sui luoghi di lavoro, di protezione dell’ambiente e ad ogni altra normativa obbligatoria in materia di formazione.

Spese ammissibili

Sono ammissibili:

  • le spese di personale relative ai formatori per le ore di formazione;
  • i costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione (spese di viaggio, materiali e forniture, ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione);
  • i costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • le spese di personale e degli imprenditori relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore di formazione;
  • la spesa sostenuta per adempiere l'obbligo di certificazione contabile da parte delle imprese non soggette ex lege a revisione legale dei conti entro il limite di euro 5.000
Spese non ammissibili

Non sono ammissilile le spese di alloggio, ad eccezione di quelle minime necessarie per i partecipanti che sono lavoratori con disabilità.

Misura del credito d'imposta

La rimodulazione di aliquote e massimali di credito d'imposta in misura inversamente proporzionale alla dimensione d’impresa, introdotta dalla legge di bilancio 2020 è confermata anche sul biennio 2021/2022 di proroga dell’incentivo, con una maggiorazione di aliquota nel caso in cui i destinatari delle attività di formazione ammissibili rientrino nelle categorie dei lavoratori dipendenti svantaggiati o molto svantaggiati come definite dal decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali 17 ottobre 2017

Dimensione d’impresa

Aliquota 2020-2023

Maggiorazione

Massimali 

Piccola impresa

50%

60%

300.000 euro

Media impresa

40%

250.000 euro

Grande impresa

30%

250.000 euro

 

Modalità di fruizione del credito d'imposta 

Il credito d'imposta è fruibile in unica soluzione subordinatamente all'acquisizione della certificazione contabile:

  • a partire dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili;
  • esclusivamente in compensazione.
Adempimenti

E’ necessaria una comunicazione al Ministero dello sviluppo economico.

Deve essere rilasciata a ciascun dipendente l’attestazione dell’effettiva partecipazione alle attività formative agevolabili, con indicazione dell’ambito o degli ambiti aziendali individuati.

L’effettivo sostenimento delle spese ammissibili e la corrispondenza delle stesse alla documentazione contabile predisposta dall’impresa devono risultare da apposita certificazione rilasciata da un revisione legale dei conti.

Le imprese beneficiarie del credito d’imposta sono tenute a conservare una relazione che illustri le modalità organizzative e i contenuti delle attività di formazione svolte.

 Cumulabilità

Il credito d'imposta è cumulabile con altre misure di aiuto aventi a oggetto le stesse spese ammissibili, nel rispetto delle intensità massime previste dal Reg. (UE) n. 651/2014.

  

Fonte: D.L. 17 maggio 2022, n. 50, Legge 30 dicembre 2021, n. 234, Legge 30 dicembre 2020, n. 178, G.U.R.I. 30 dicembre 2020, n. 322, s. 46, Circolare 3 dicembre 2018, n. 412088, Decreto 4 maggio 2018, G.U.R.I. 22 giugno 2018, n. 143

 

 

2021 Copyright © - Riproduzione riservata
I contenuti sono di proprieta' di FFA Eventi e Comunicazione s.r.l. - PI: 05713861218
Vietato riprodurli senza autorizzazione
Utilizzando il sito Web di Economia News, l’utente accetta le politiche relative ai cookie.
Continua